Combatti le muffe

Combatti le muffe

La muffa tra le pareti domestiche non è solo una questione di scarso decoro o di aria maleodorante, ma un serio problema per la salute di chi ci convive, specie nel caso di bambini, anziani o persone con problemi di salute precaria.

Molti sottovalutano il fenomeno, ma le muffe ei lieviti non sono innocue presenze, per l’uomo alcune Muffe infatti, sono molto tossiche, altre creano lesioni polmonari, altre addirittura provocano l’insorgenza di tumori.

I problemi più frequenti provocati dalle tossine della Muffa presente negli ambienti sono di 2 tipi: 

acuti (immediati) e cronici.

I sintomi immediati o acuti, si risolvono il più delle volte quando ci si allontana dall’ambiente contaminato.

Questi effetti momentanei sono:

  • irritazione del naso,
  • irritazione degli occhi e della gola,
  • emicrania,
  • difficoltà di concentrazione

I sintomi di tipo cronico affliggono maggiormente chi con la Muffa convive quotidianamente. In questi casi gli effetti causati dalle tossine permangono e si cronicizzano.

Purtroppo in alcune persone la sintomatologia di tipo temporanea si somma agli effetti di tipo cronico con evidenti reazioni che proseguono anche dopo l’allontanamento dal luogo infestato.  

I sintomi cronici più frequenti si manifestano nella forma di:

  • malattie respiratorie allergiche
  • rinite allergica,
  • asma
  • polmonite da ipersensibilità

MUFFA close-up.jpg

Che cosa sono le muffe

Le muffe sono dei microrganismi appartenenti alla vasta famiglia dei funghi (che include migliaia di specie tra muffe, funghi superiori e lieviti).

Per muffa si intende un agglomerato di miceli che può manifestarsi con aspetti e colori diversi (nero, verde, ma anche azzurro, rosso). 

Muffa.jpg

Come si forma la muffa

La muffa si forma attraverso microscopiche particelle (spore) che vengono trasportate dall’aria. Le spore sono leggere ed invisibili ad occhio nudo, ma incredibilmente resistenti. Esse trasportate dalle correnti d’aria entrano negli ambienti si depositano sulle superfici e alla giusta temperatura e con l’adeguato tasso di umidità, germinano, moltiplicandosi velocemente con grande facilità. In ambienti particolarmente umidi ogni spora produce centinaia di milioni di nuove spore in pochi giorni, manifestandosi prima con piccoli puntini (ife), poi con macchie scure e spugnose (miceli) più compatte.

Sebbene si manifestino con formazioni colorate superficiali, l’insediamento delle muffe spesso non è limitato al solo strato superficiale. Le ife, la struttura filamentosa della muffa, tendono ad insediarsi in profondità nel tessuto attaccato, compromettendo il buono stato degli edifici (causando lo sfarinamento delle pitture, il distacco di intonaci e infiltrazioni nelle coperture). 

Abbiamo compreso quindi che per la salute dell’uomo non è la Muffa in se stessa il vero problema, poiché resta ancorata alle superfici ed avanza lentamente, ma sono le spore che essendo estremamente volatili contaminano gli ambienti chiusi con il loro carico di tossine. 

Le Muffe possono crescere indistintamente sia all'interno che all'esterno delle abitazioni. 

All'interno, abbiamo visto, si trovano soprattutto dove c’è umidità in eccesso e scarsa ventilazione, esse tendono a svilupparsi più rapidamente con un clima caldo umido, come in estate e in luoghi poco illuminati. In queste condizioni le colonie di muffe e funghi tendono a formarsi sugli oggetti e i materiali umidi specie sui tessuti (tappeti, tendaggi, divani, ecc.), e nei sistemi di condizionamento d’aria, non sottoposti a regolare pulizia e manutenzione. 

Ma le infestazioni di muffa più estese si sviluppano soprattutto sulle pareti marcescenti degli ambienti dove ci sono infiltrazioni o risalite di acqua dalle fondamenta, qui le muffe contribuiscono a degradare ulteriormente i materiali metabolizzandoli per poi svilupparsi molto più rapidamente.

Muffa2.jpg

Misure per ridurre l’esposizione

Il ministero della salute indica alcune misure di buon senso che se le analizziamo attentamente si comprende che possono solo attenuare o eliminare temporaneamente la presenza delle muffe in casa. Alcune sono facilmente attuabili mentre altre richiedono interventi alle strutture spesso anche ingenti.

Cosa fare per prevenire la formazione delle muffe:

_assicurarsi che i muri esterni, le fondamenta, i sottotetti e l’attico siano isolati e ben ventilati 

_cercare di mantenere all’interno dell’abitazione un’umidità inferiore al 50% 

_assicurarsi che non vi sia terra o altro materiale che possa drenare l’umidità a diretto contatto con i muri della casa 

_non usare tappeti o moquette in zone con alta umidità come bagno, cucina, lavanderia 

_non lasciare i vestiti stesi ad asciugare per molto tempo in ambienti chiusi poco ventilati 

_cercare di eliminare fenomeni di condensa che spesso sono causa di umidità; in presenza di condense è consigliabile aerare frequentemente l’ambiente.

Farmasan Plus cura e previene la formazione di Muffe

Quando non ci sono gravi fenomeni di infiltrazione o di risalita dell’acqua che hanno già compromesso stucchi e intonaci e si richiedono interventi di tipo strutturale, può entrare in campo Farmasan Plus che è un vero sterminatore di Muffe e Lieviti.

Quando si vive in zone umide, in ambienti poco soleggiati, parzialmente interrati, freddi e scarsamente ventilati o in case che restano chiuse per lunghi periodi come le case di vacanza, cantinole e depositi, si potrebbe intervenire con l’impiego di deumidificatori, ma è una soluzione dispendiosa, non sempre attuabile e mai radicale e duratura. In tutti questi casi e ovunque si vuole assicurare un buon livello di salubrità c’è Farmasan Plus che grazie a speciali additivi e all’arricchimento della formula con ioni d’argento distrugge muffe, lieviti, batteri e microbi distinguendosi dalle altre idropitture per la forza, l’efficacia e la durata della sua azione.

Infatti, la straordinaria azione antimuffa di Farmasan Plus oltre che curare l’immediato fenomeno della presenza di Muffe sulle pareti, previene la formazione di nuove colonie con un’azione fungicida continua e costante nel tempo.